Casinò di Sanremo: eccellenza della storia italiana

Pubblicato da: shadowx24- il: 25-08-2021 7:26

Dici casinò e pensi Sanremo. La località ligure è famosa per essere non solo la Città dei Fiori ma anche per il suo Festival, che ha avuto come sede storica proprio quella del casinò. Un territorio che si caratterizza per essere a misura d’uomo, piacevole da visitare grazie al clima mite e alla dolce brezza del mare che rendono la natura rigogliosa e il soggiorno piacevole. Questo anche per la presenza di attrattive di ogni genere, dallo shopping a spiagge dall’acqua cristallina e con in più proprio il casinò, il primo che la storia d’Italia ha conosciuto. Un’istituzione anche rispetto al fenomeno dei casino online AAMS sicuri che con la pandemia e il conseguente stare in casa si sono sempre più diffusi: la casa da gioco sanremese è stata capace di durare nel tempo e rinnovarsi, proponendo servizi online originali compreso un tour virtuale che ben simboleggia lo stile di questa eccellenza della storia italiana.


Lo stile liberty a Sanremo

1905: la Città dei Fiori rileva la licenza da Villa La Sultana di Ospedaletti e diventa la prima casa da gioco d’Italia. La scelta dell’edificio cade su una costruzione elegante che si distingue per lo stile liberty. Il progetto, realizzato dall’architetto Eugène Ferrer, era nato all’inizio per accogliere nelle ampie sale feste e ricevimenti e poi ha conosciuto tavoli verdi con giochi di carte come chemin de fer, poker, roulettes e slot machine. Il tutto in un periodo come quello della Belle Epoque, capace come nessuno di far sentire la vita spensierata e leggera; niente lasciava presagire assolutamente l’imminente tragedia della Grande Guerra.

Durante il Fascismo il casinò di Sanremo si è contraddistinto per essere stato l’unico in cui il gioco d’azzardo era legale. Il motivo? Quello di reggere il confronto con la vicina Costa azzurra e rendere competitiva l’economia italiana, diventando allo stesso tempo punto di riferimento per la cultura e lo spettacolo grazie alla presenza assidua di intellettuali quali Pietro Mascagni e Luigi Pirandello. Uno sviluppo che ha determinato anche l’evoluzione della struttura architettonica a cui vennero aggiunte due cupole laterali e la Sala del Cinquecento nonché diverse decorazioni a pareti e soffitti.

La storia della canzone italiana

Era il 29 gennaio 1951 quando Nunzio Filogamo faceva la storia della musica nostrana introducendo al pubblico in sala la manifestazione che è diventata poi il simbolo della musica leggera italiana: il Festival di Sanremo, pensato per intrattenere gli ospiti mentre mangiavano a suon di canzoni inedite interpretate da tre interpreti.

La vittoria di Nilla Pizzi e il suo lancio nel panorama della melodia nostrana sono risapute ma è nel 1955 che il Festival di Sanremo raggiunge la vera notorietà con la prima diretta televisiva. Il casinò rimane la sede dell’evento e resta tale fino al 1976, cedendo il passo al vicino Teatro Ariston, il teatro del casinò, a partire dal 1977.

In oltre vent’anni di canzoni si sono avvicendati scandali, melodie, fama ed onori. Questo grazie anche alla frequentazione di personaggi famosi capaci di giocare cifre da capogiro, tra questi celebre Vittorio De Sica, e a rappresentazioni culturali quali il balletto e una stagione concertistica di livello internazionale. Non solo Festival, quindi, al casinò e allo stesso tempo non solo gioco. Con una storia capace di superare il secolo in piena giovinezza, energia, senza perdere lo smalto degli anni passati.

# SITO DI POKER VALUTAZIONE IT BONUS COMPATIBILE CON GIOCA A POKER!

Il Gioco è Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Può Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

aams